BY DAVIS SUHAREVSKIS

Sono le cellule IT presenti da millenni. Tutti ne hanno sentito parlare e ora stiamo morendo dalla voglia di saperne di più. Facciamo un tour per comprendere meglio come lavorano queste cellule superpotenti!

Cellule staminali viventi, che respirano e sono persino fotosintetizzanti

Immagina un ramo di un albero o meglio ancora la fine del gambo del basilico sul tuo davanzale (che coltivi per il pesto fresco) ora immagina un taglio su un dito (che ti sei provocato per realizzare il pesto). Cosa hanno in comune tutte queste cose? Il processo di guarigione, crescita e rigenerazione che dipende da un gruppo meraviglioso, ma misterioso, di cellule chiamate CELLULE STAMINALI.

Baby cellule che diventeranno grandi e verdi

IN TE - COSÌ COME IN ALTRE MERAVIGLIOSE CREATURE:

Possiamo dire che le cellule staminali sono i "giovani" delle cellule e proprio come un giovane non hanno idea di cosa fare, una cellula staminale non ha uno scopo definitivo, può moltiplicarsi e questo è tutto quello deve fare. E proprio come i giovani, queste cellule hanno un potenziale e una responsabilità immensi. Negli animali le cellule staminali sono i mattoni universali che generano tutti i tipi di cellule, si trovano nelle pupille, nel midollo osseo, nella pelle, praticamente ovunque, sono cellule adulte che possono diventare solo un singolo tipo di altre cellule: cellule nervose, cellule della pelle e così via. Ogni volta che ci facciamo una ferita (come è successo per preparare il pesto) queste cellule staminali sono la squadra di guarigione che formerà il tessuto per creare una nuova pelle. Oltre a queste cellule, ci sono anche le cellule staminali embrionali (che si trovano nelle blastocisti circa cinque giorni dopo l'inseminazione) che sono chiamate cellule staminali pluripotenti, sono letteralmente il pacchetto completo, perché diventeranno un organismo completamente funzionante.

Vivono in un'incubatrice a 26 ° C

CHE DIRE DEL BASILICO O DI QUALSIASI ALTRA PIANTA?

Le piante lo sanno abbastanza bene; possiamo supporre che ogni cellula di una pianta sia una cellula staminale. Ciò significa che è tecnicamente possibile rigenerare una pianta da una data cellula in essa contenuta. Questo è precisamente il motivo per cui strappare una foglia o una parte della pianta non la danneggerà gravemente, ma le consentirà di dividersi e sopravvivere. È un processo così efficiente che le piante possono moltiplicarsi in questo modo.

Avendo capito meglio cosa sono, ora possiamo comprendere meglio i benefici che le cellule staminali hanno sulla nostra pelle. Come principale strumento di rigenerazione, le cellule staminali vegetali racchiudono un'incredibile varietà di molecole bioattive e benefiche. Quando vengono estratti, questi composti hanno dimostrato in molteplici ricerche di amare la pelle umana. Ancora non tutti i meccanismi sono compresi a fondo, ma gli effetti benefici sono evidenti.

VI PRESENTIAMO – LA PIANTA DI NORTHERN DRAGON

La pianta di Dragonhead settentrionale coltivata in laboratorio da cellule staminali

La pianta Northern Dragonhead viene utilizzata nei prodotti viso e corpo MÁDARA SPF 30

La Dracocephalum ruyschiana è una pianta rara anche nella natura selvaggia della Lettonia. Questo è il motivo per cui la tecnologia delle cellule staminali è un salvavita. Gli scienziati dell'Università della Lettonia ci hanno mostrato quanto sono fondamentali le cellule staminali. Si inizia con un campione della pianta (una foglia o due è più che sufficiente) estratta in natura, questa viene trattata con antimicrobici (perché deve essere perfettamente pulita), viene poi tagliata in piccoli pezzi e collocata in un habitat ricco di nutrienti. Lì ha le circostanze perfette per crescere, ma un mix speciale di fitoormoni (le piante hanno gli ormoni esattamente come gli animali) le impediscono di differenziarsi.

Ed è così che si formano le bellissime formazioni di cellule verdi (chiamate scientificamente calli). Sono molto simili all'organismo madre e possono così ricominciare a differenziarsi. Da questi calli si ottiene così l'estratto. E che super estratto! Ricco di flavonoidi e polifenoli, rinomati antiossidanti, acido rosmarinico e clorogenico anch’essi antiossidanti con importanti effetti antinfiammatori. Queste cellule sono in grado di stimolare anche la sintesi di nuovo collagene e fungono da inibitori degli enzimi degradanti del collagene.

E questa è solo la punta dell'iceberg. Non solo per questo estratto, ma per la tecnologia. I ricercatori nel laboratorio di cellule staminali stanno sperimentando diversi metodi di estrazione per far crescere cellule staminali di diverse specie di piante. Rimanete sintonizzati!